Tutte le opere, i frammenti, le testimonianze e gli scoli antichi

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


A cura di Cesare Cassanmagnago
Testo greco a fronte

“Da qui comincia il racconto delle Muse, cioè
la conoscenza (gnosis) del poeta in chiave allegorica:
l’arte e il cosmo soggiacciono ai medesimi principi
e hanno come artefice Dio, e invero questa realtà
è stata fabbricata dall’arte. I fattori direttivi del tutto
sono la materia, il principio (archè) e gli elementi (...)
Il Caos è dunque emissione e secrezione verso
gli elementi. Alcuni lo dicono acqua, altri aria (...)
‘Venne all’esistenza lo Spazio beante’: Caos è in rapporto
a riversarsi; è un luogo vuoto che sta tra terra e cielo;
difatti è venuto all’esistenza dall’invisibile.”
Scolii a Esiodo, Teogonia, v. 116

Questo volume raccoglie tutto quanto la tradizione ci ha lasciato sotto il nome di Esiodo di Ascra: la Teogonia, le Opere e i Giorni (o Erga), lo Scudo (trasmessici dai codici) e il Catalogo delle donne o Eoie (recuperato per lo più grazie ai papiri). Esiodo si impose per tempo nel panorama culturale della Grecità arcaica dominato dall’epos omerico, che peraltro restò nei secoli nettamente dominante. Verosimilmente posteriore seppure di poco a Omero, Esiodo, la cui akmè può collocarsi nella seconda metà dell’VIII secolo a.C., è con il precedente il formatore della coscienza greca. Se Omero è la “Bibbia” dei Greci, Esiodo contribuì non poco allo sviluppo dello spirito greco facendo emergere valori nuovi, in particolare quello del lavoro e della giustizia. Esiodo ribalta i valori del mondo omerico e aristocratico, avvicinando il lettore, col suo poema didascalico, alle opere della pace, all’agricoltura e al commercio per mare. Egli sintetizza una tradizione religiosa plurisecolare, la filtra, la rinnova e ne dà una versione canonica destinata a plasmare per sempre la cultura greca dall’età arcaica a Proclo, più di un millennio più tardi: questa è la Teogonia, che, raccolta organica di miti, è in nuce una cosmologia filosofica e un discorso virtualmente naturalistico sulla realtà; di fatto contiene i prodromi della storiografia e della ricerca filosofica. In questa ottica, nel volume è inclusa la prima traduzione italiana degli scolii antichi alla Teogonia e agli Erga (in gran parte di Plutarco e di Proclo), di notevole rilievo per conoscere una parte significativa della fortuna di Esiodo. Il Catalogo è invece l’opera che nel giro di un secolo ha conosciuto un’insperata resurrezione. E che almeno il nucleo originario di esso sia esiodeo è un’ipotesi ragionevole che viene avanzata, contro molti che lo ritengono in toto posteriore a Esiodo. In esso, il poeta si rivolge ancora al mondo del mito per raccontare delle donne che congiungendosi con degli dèi diedero vita a una prole eroica. Come nella lingua ricicla la tradizione, così nei miti seleziona e reinventa con spirito sistematico, cercando di imprimere una svolta alla cultura del suo tempo: nel rispetto del divino e nell’amore del lavoro, della pace e della giustizia.


Cesare Cassanmagnago, allievo di Giovanni Reale, ha insegnato a lungo nei licei. Studioso dello Stoicismo greco e romano, ha tradotto tutte le opere di Epitteto e, per Bompiani, i Pensieri di Marco Aurelio (2008).

A cura di Cesare Cassanmagnago
Testo greco a fronte

“Da qui comincia il racconto delle Muse, cioè
la conoscenza (gnosis) del poeta in chiave allegorica:
l’arte e il cosmo soggiacciono ai medesimi principi
e hanno come artefice Dio, e invero questa realtà
è stata fabbricata dall’arte. I fattori direttivi del tutto
sono la materia, il principio (archè) e gli elementi (...)
Il Caos è dunque emissione e secrezione verso
gli elementi. Alcuni lo dicono acqua, altri aria (...)
‘Venne all’esistenza lo Spazio beante’: Caos è in rapporto
a riversarsi; è un luogo vuoto che sta tra terra e cielo;
difatti è venuto all’esistenza dall’invisibile.”
Scolii a Esiodo, Teogonia, v. 116

Questo volume raccoglie tutto quanto la tradizione ci ha lasciato sotto il nome di Esiodo di Ascra: la Teogonia, le Opere e i Giorni (o Erga), lo Scudo (trasmessici dai codici) e il Catalogo delle donne o Eoie (recuperato per lo più grazie ai papiri). Esiodo si impose per tempo nel panorama culturale della Grecità arcaica dominato dall’epos omerico, che peraltro restò nei secoli nettamente dominante. Verosimilmente posteriore seppure di poco a Omero, Esiodo, la cui akmè può collocarsi nella seconda metà dell’VIII secolo a.C., è con il precedente il formatore della coscienza greca. Se Omero è la “Bibbia” dei Greci, Esiodo contribuì non poco allo sviluppo dello spirito greco facendo emergere valori nuovi, in particolare quello del lavoro e della giustizia. Esiodo ribalta i valori del mondo omerico e aristocratico, avvicinando il lettore, col suo poema didascalico, alle opere della pace, all’agricoltura e al commercio per mare. Egli sintetizza una tradizione religiosa plurisecolare, la filtra, la rinnova e ne dà una versione canonica destinata a plasmare per sempre la cultura greca dall’età arcaica a Proclo, più di un millennio più tardi: questa è la Teogonia, che, raccolta organica di miti, è in nuce una cosmologia filosofica e un discorso virtualmente naturalistico sulla realtà; di fatto contiene i prodromi della storiografia e della ricerca filosofica. In questa ottica, nel volume è inclusa la prima traduzione italiana degli scolii antichi alla Teogonia e agli Erga (in gran parte di Plutarco e di Proclo), di notevole rilievo per conoscere una parte significativa della fortuna di Esiodo. Il Catalogo è invece l’opera che nel giro di un secolo ha conosciuto un’insperata resurrezione. E che almeno il nucleo originario di esso sia esiodeo è un’ipotesi ragionevole che viene avanzata, contro molti che lo ritengono in toto posteriore a Esiodo. In esso, il poeta si rivolge ancora al mondo del mito per raccontare delle donne che congiungendosi con degli dèi diedero vita a una prole eroica. Come nella lingua ricicla la tradizione, così nei miti seleziona e reinventa con spirito sistematico, cercando di imprimere una svolta alla cultura del suo tempo: nel rispetto del divino e nell’amore del lavoro, della pace e della giustizia.


Cesare Cassanmagnago, allievo di Giovanni Reale, ha insegnato a lungo nei licei. Studioso dello Stoicismo greco e romano, ha tradotto tutte le opere di Epitteto e, per Bompiani, i Pensieri di Marco Aurelio (2008).

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: IL PENSIERO OCCIDENTALE
    • Prezzo: 33.00 €
    • Pagine: 1088
    • Formato libro: 21 x 15
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845263194

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...