Su verità e menzogna

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Testo tedesco a fronte

Su verità e menzogna in senso extramorale è uno scritto giovanile di Nietzsche (1844-1900), del 1873, pubblicato postumo. Si tratta della prima riflessione teoretica, autonoma e compiuta, del filosofo; egli stesso lo designò nel 1884 come un pro memoria in cui fosse già stato espresso, ed in maniera più ardita che nelle opere edite, il proprio modo di pensare. Il testo espone una concezione metaforica della realtà, intesa prospettivisticamente come risultato, sempre in corso di rielaborazione, dell’originaria facoltà metaforizzatrice dell’uomo, capace di creare immagini, suoni, parole, persino i concetti più astratti e lontani dalla vita, in occasione di stimoli nervosi anch’essi, come tali altre metafore, privi di rapporto causale con le cose stesse. Fra arte, scienza, filosofia si costituisce allora una lotta per la verità, all’origine delle stesse vicende individuali e sociali dell’animale uomo. Si preannuncia dunque quella svolta radicale nel pensiero occidentale operata da Nietzsche nelle sue più note opere successive. Nell’edizione, con originale tedesco a fronte, lo scritto viene affiancato da un altro ad esso strettamente connesso e di pochi mesi precedente, Sul pathos della verità. Il volume è curato da Francesco Tomatis, professore ordinario in filosofia teoretica alla facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Salerno. Per Bompiani ha pubblicato Filosofia della montagna (2005), Come leggere Nietzsche (2006) e curato la nuova edizione di F.W.J. Schelling, Filosofia della Rivelazione (2002).

Testo tedesco a fronte

Su verità e menzogna in senso extramorale è uno scritto giovanile di Nietzsche (1844-1900), del 1873, pubblicato postumo. Si tratta della prima riflessione teoretica, autonoma e compiuta, del filosofo; egli stesso lo designò nel 1884 come un pro memoria in cui fosse già stato espresso, ed in maniera più ardita che nelle opere edite, il proprio modo di pensare. Il testo espone una concezione metaforica della realtà, intesa prospettivisticamente come risultato, sempre in corso di rielaborazione, dell’originaria facoltà metaforizzatrice dell’uomo, capace di creare immagini, suoni, parole, persino i concetti più astratti e lontani dalla vita, in occasione di stimoli nervosi anch’essi, come tali altre metafore, privi di rapporto causale con le cose stesse. Fra arte, scienza, filosofia si costituisce allora una lotta per la verità, all’origine delle stesse vicende individuali e sociali dell’animale uomo. Si preannuncia dunque quella svolta radicale nel pensiero occidentale operata da Nietzsche nelle sue più note opere successive. Nell’edizione, con originale tedesco a fronte, lo scritto viene affiancato da un altro ad esso strettamente connesso e di pochi mesi precedente, Sul pathos della verità. Il volume è curato da Francesco Tomatis, professore ordinario in filosofia teoretica alla facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Salerno. Per Bompiani ha pubblicato Filosofia della montagna (2005), Come leggere Nietzsche (2006) e curato la nuova edizione di F.W.J. Schelling, Filosofia della Rivelazione (2002).

Commenti

Autore


  • Friedrich W. Nietzsche

    Di Friedrich W. Nietzsche (1844-1900) nella BUR sono stati pubblicati, a cura di Sossio Giametta, Al di là del bene e del male, Così parlò Zarathustra, Crepuscolo degli idoli, La gaia scienza, Gene [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: TESTI A FRONTE
    • Prezzo: 10.00 €
    • Pagine: 176
    • Formato libro: 20 x 12
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845257414

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...