Observatory Mansions

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Nel centro di una città, in quella zona abitata da gente con un pò troppo denaro, c'è un parco. Al centro del parco c'è un piedistallo sprovvisto di statua. Ogni mattina prende il suo posto una statua di carne, coperta di vernice bianca da capo a piedi, immobile creatura di immacolata bianchezza che si anima per un attimo quando apre gli occhi per soffiare su una bolla di sapone all'indirizzo di chi le offra il proprio obolo. Maestro dell'arte dimenticata dell'immobilità, Francis Orme è il riflesso della stasi interiore del padre, un uomo che si considera una parentesi aperta nella propria stessa esistenza, deciso a vivere la vita lontano dal sole, protetto da eterne cortine d'ombra, amico dei graduali mutamenti di luce, dell'odissea di una lumaca, dell'impercettibile diluvio della polvere, stratagemmi con cui, genio dell'inerzia, si è fatto dimenticare dalla morte. Insieme a questo uomo in poltrona, o, meglio, a questa poltrona con un uomo dentro, e alla madre, che ha abdicato al linguaggio e apre gli occhi soltanto davanti agli oggetti che le spalancano le porte della memoria, Francis vive nel condominio Observatory Mansions, la cui cupola che una volta ospitava un osservatorio, è ormai priva dei telescopi e ridotta a ostello per piccioni. Come accadrà alle altre bizzarre creature che abitano il condominio e sembrano sprigionate da fiabe strane e lugubri - un portiere sibilante, un vecchio professore dai mille odori, una donna-cane -, tutte impegnate nell'arduo compito di assentarsi da se stesse e di impedire alla realtà di strapparle alla solitudine che pure detestano, l'incantesimo che imprigiona Francis nel suo isolamento sarà spezzato dall'arrivo di una nuova inquilina ...

Nel centro di una città, in quella zona abitata da gente con un pò troppo denaro, c'è un parco. Al centro del parco c'è un piedistallo sprovvisto di statua. Ogni mattina prende il suo posto una statua di carne, coperta di vernice bianca da capo a piedi, immobile creatura di immacolata bianchezza che si anima per un attimo quando apre gli occhi per soffiare su una bolla di sapone all'indirizzo di chi le offra il proprio obolo. Maestro dell'arte dimenticata dell'immobilità, Francis Orme è il riflesso della stasi interiore del padre, un uomo che si considera una parentesi aperta nella propria stessa esistenza, deciso a vivere la vita lontano dal sole, protetto da eterne cortine d'ombra, amico dei graduali mutamenti di luce, dell'odissea di una lumaca, dell'impercettibile diluvio della polvere, stratagemmi con cui, genio dell'inerzia, si è fatto dimenticare dalla morte. Insieme a questo uomo in poltrona, o, meglio, a questa poltrona con un uomo dentro, e alla madre, che ha abdicato al linguaggio e apre gli occhi soltanto davanti agli oggetti che le spalancano le porte della memoria, Francis vive nel condominio Observatory Mansions, la cui cupola che una volta ospitava un osservatorio, è ormai priva dei telescopi e ridotta a ostello per piccioni. Come accadrà alle altre bizzarre creature che abitano il condominio e sembrano sprigionate da fiabe strane e lugubri - un portiere sibilante, un vecchio professore dai mille odori, una donna-cane -, tutte impegnate nell'arduo compito di assentarsi da se stesse e di impedire alla realtà di strapparle alla solitudine che pure detestano, l'incantesimo che imprigiona Francis nel suo isolamento sarà spezzato dall'arrivo di una nuova inquilina ...

Commenti

Autore


  • Edward Carey

    nato nel 1970 nel Norfolk, scrittore, drammaturgo, illustratore, è autore di Observatory Mansions e Alva e Irva. Le gemelle che salvarono una città, entrambi pubblicati da Bompiani, per cui sono usc [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: LETTERATURA STRANIERA
    • Prezzo: 17.00 €
    • Pagine: 352
    • Formato libro: 21 x 15
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845252471

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...