L’isola del giorno prima

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Nell’estate del 1643 un giovane piemontese naufraga, nei mari del sud, su di una nave deserta. Di fronte a lui un’Isola, che non può raggiungere. Intorno a lui un ambiente apparentemente accogliente, ricco di meraviglie, e di inesplicabili insidie. Solo, su un mare sconosciuto, Roberto de la Grive vede per la prima volta in vita sua cieli, stelle, acque, uccelli, piante, pesci e coralli che non sa come nominare. Scrive lettere d’amore, attraverso le quali si indovina a poco a poco la sua storia: una lenta e traumatica iniziazione al mondo secentesco della nuova scienza, della ragion di stato, della guerra dei trent’anni, di un cosmo in cui la terra non è più il centro dell’universo. Roberto vive “in Barocco” la sua vicenda solitaria, tutta giocata sulla memoria (di passioni insoddisfatte, duelli, assedi, trame spionistiche all’ombra di due Cardinali), e sull’attesa di approdare a un’Isola che – come si vedrà – non è solo lontana nello spazio, ma anche nel tempo. In questo mare dell’Innocenza nulla è innocente: e Roberto lo sa sin dall’inizio, perché è giunto a questi Antipodi (dove gli uomini dovrebbero camminare coi piedi all’insù) per cercare (senza desiderarlo) di risolvere un mistero su cui si affannano le grandi potenze europee dell’epoca: il segreto del Punto Fisso.

Nell’estate del 1643 un giovane piemontese naufraga, nei mari del sud, su di una nave deserta. Di fronte a lui un’Isola, che non può raggiungere. Intorno a lui un ambiente apparentemente accogliente, ricco di meraviglie, e di inesplicabili insidie. Solo, su un mare sconosciuto, Roberto de la Grive vede per la prima volta in vita sua cieli, stelle, acque, uccelli, piante, pesci e coralli che non sa come nominare. Scrive lettere d’amore, attraverso le quali si indovina a poco a poco la sua storia: una lenta e traumatica iniziazione al mondo secentesco della nuova scienza, della ragion di stato, della guerra dei trent’anni, di un cosmo in cui la terra non è più il centro dell’universo. Roberto vive “in Barocco” la sua vicenda solitaria, tutta giocata sulla memoria (di passioni insoddisfatte, duelli, assedi, trame spionistiche all’ombra di due Cardinali), e sull’attesa di approdare a un’Isola che – come si vedrà – non è solo lontana nello spazio, ma anche nel tempo. In questo mare dell’Innocenza nulla è innocente: e Roberto lo sa sin dall’inizio, perché è giunto a questi Antipodi (dove gli uomini dovrebbero camminare coi piedi all’insù) per cercare (senza desiderarlo) di risolvere un mistero su cui si affannano le grandi potenze europee dell’epoca: il segreto del Punto Fisso.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Umberto Eco

    (Alessandria 1932 – Milano 2016) è stato filosofo, medievista, semiologo, massmediologo. Ha esordito nella narrativa nel 1980 con Il nome della rosa (Premio Strega 1981), seguito da Il pendolo [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: GRANDI TASCABILI
    • Prezzo: 13.00 €
    • Pagine: 480
    • Formato libro: 21 x 15
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845278679

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...