Leonilde. Storia eccezionale di una donna normale

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


STORIA ECCEZIONALEDI UNA DONNA NORMALE

Da questo testo, l’omonimo spettacolo teatralecon Michela Cescon, diretto da Roberto Andò e prodotto dal Teatro Stabile di Catania

“Ma a farmi diventare comunista furono quei morti ammazzati.Furono loro a convincermi, non le loro idee.Non ancora.Fu vederli ammazzati così, alla fine di una guerra che stavano per vincere. Alle spalle di una Storia che gli avrebbe dato ragione.Ammazzati. Non per qualcosa che avevano fatto. Per qualcosa che avevano pensato.Un pensiero che gli era costato la vita.E che adesso sentivo di dover fare mio, per non lasciarli morire del tutto.”Con prosa ritmata e incalzante, Sergio Claudio Perroni racconta la tempra drammaturgica di Nilde Iotti, l’agguerrita soavità con cui, tra la fine del Fascismo e la morte di Togliatti, questa “regina plebea” seppe reagire alle invidie e alle insidie di una corte che non le perdonava i tanti successi, primo fra tutti quello di essere amata dal capo del PCI. Una vita densa di passioni non solo politiche, di intrighi, rinunce, conquiste e sentimenti strettamente intrecciata – e a volte perfettamente coincidente – con i drammi, le conquiste e le contraddizioni dell’Italia di quegli anni.

STORIA ECCEZIONALEDI UNA DONNA NORMALE

Da questo testo, l’omonimo spettacolo teatralecon Michela Cescon, diretto da Roberto Andò e prodotto dal Teatro Stabile di Catania

“Ma a farmi diventare comunista furono quei morti ammazzati.Furono loro a convincermi, non le loro idee.Non ancora.Fu vederli ammazzati così, alla fine di una guerra che stavano per vincere. Alle spalle di una Storia che gli avrebbe dato ragione.Ammazzati. Non per qualcosa che avevano fatto. Per qualcosa che avevano pensato.Un pensiero che gli era costato la vita.E che adesso sentivo di dover fare mio, per non lasciarli morire del tutto.”Con prosa ritmata e incalzante, Sergio Claudio Perroni racconta la tempra drammaturgica di Nilde Iotti, l’agguerrita soavità con cui, tra la fine del Fascismo e la morte di Togliatti, questa “regina plebea” seppe reagire alle invidie e alle insidie di una corte che non le perdonava i tanti successi, primo fra tutti quello di essere amata dal capo del PCI. Una vita densa di passioni non solo politiche, di intrighi, rinunce, conquiste e sentimenti strettamente intrecciata – e a volte perfettamente coincidente – con i drammi, le conquiste e le contraddizioni dell’Italia di quegli anni.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Sergio Claudio Perroni

    vive e lavora a Taormina. Per Bompiani ha pubblicato Non muore nessuno (2007), Leonilde, storia eccezionale di una donna normale (2010), e Nel ventre (2013).


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: PASSAGGI
    • Prezzo: 9.50 €
    • Pagine: 80
    • Formato libro: 17 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845265181
    • ISBN E-book: 9788858762363

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...