La scuola dei giochi

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...

,

Ma perché, se tutti riconoscono che il gioco è un fattore essenziale della vita, molti non sanno giocare? Eppure, è proprio l’inevitabile tragicità della vita a costringerci ad aprire un varco verso il divertimento. Ci sono casi di pensatori che non sanno giocare ma danno un grande peso al gioco. Non basta allora dire che il gioco è un punto di riferimento costante del pensiero contemporaneo, da Nietzsche a Wittgenstein, da Heidegger a Freud, perché occorre vedere come ciascuno sappia giocare nel suo pensiero e, a nostra volta, saper giocare con il nostro.Gli autori di questo libro sono convinti che bisogna entrare nel gioco, e innanzitutto intendersi su cosa significa giocare, al di là dei tanti luoghi comuni. Forse, così, potremmo disporre di uno straordinario operatore con cui comprendere un po’ meglio cosa sia una scuola e avere qualche strumento in più per praticare quell’arte difficile, quasi impossibile, che è l’imparare ad apprendere.

Ma perché, se tutti riconoscono che il gioco è un fattore essenziale della vita, molti non sanno giocare? Eppure, è proprio l’inevitabile tragicità della vita a costringerci ad aprire un varco verso il divertimento. Ci sono casi di pensatori che non sanno giocare ma danno un grande peso al gioco. Non basta allora dire che il gioco è un punto di riferimento costante del pensiero contemporaneo, da Nietzsche a Wittgenstein, da Heidegger a Freud, perché occorre vedere come ciascuno sappia giocare nel suo pensiero e, a nostra volta, saper giocare con il nostro.Gli autori di questo libro sono convinti che bisogna entrare nel gioco, e innanzitutto intendersi su cosa significa giocare, al di là dei tanti luoghi comuni. Forse, così, potremmo disporre di uno straordinario operatore con cui comprendere un po’ meglio cosa sia una scuola e avere qualche strumento in più per praticare quell’arte difficile, quasi impossibile, che è l’imparare ad apprendere.

Commenti

Autori (2)


  • Pier Aldo Rovatti

    già ordinario di Filosofia contemporanea all’Università di Trieste, dirige dal 1976 la rivista “aut aut”. Insieme a Gianni Vattimo ha curato il volume Il pensiero debole (1983, tradotto in num [...]

  • Davide Zoletto

    già ordinario di Filosofia contemporanea all’Università di Trieste, dirige dal 1976 la rivista “aut aut”. Insieme a Gianni Vattimo ha curato il volume Il pensiero debole (1983, tradotto in num [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: GRANDI TASCABILI
    • Prezzo: 9 €
    • Pagine: 112
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845233555

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...