La fine del Terzo Reich

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Germania 1944-45

“Mentre, all’inizio del 1945, si profilava la disastrosa sconfitta, si sentivano qualche volta i tedeschi dire che ‘avrebbero preferito una fine con orrore a un orrore senza fine’. E una ‘fine con orrore’ fu senza dubbio ciò che sperimentarono. La fine portò con sé distruzioni e perdite umane su scala enorme. Molto di questo si sarebbe potuto evitare se la Germania fosse stata disposta a cedere alle richieste degli Alleati. Il rifiuto di prendere in considerazione, prima del maggio 1945, la capitolazione significò dunque per il Reich e per il regime nazista non solo distruzione, ma autodistruzione. L’autodistruzione provocata dal perseverare nella lotta fino al limite estremo, fino a subire una quasi totale devastazione e una completa occupazione da parte dei nemici è estremamente rara. Eppure è questo che la Germania fece nel 1945. Perché? Si è tentati di dare una risposta semplice: Hitler rifiutò in maniera irremovibile di prendere in esame qualsiasi ipotesi di resa, per cui non c’era alternativa al continuare a combattere. Questa risposta suscita però altri interrogativi. Perché si continuò a obbedire agli ordini autodistruttivi di Hitler? In virtù di quali meccanismi di potere egli fu in grado di condizionare la sorte del paese, quando fu evidente a chiunque avesse occhi per vedere che la guerra era persa e la Germania completamente distrutta? E per quanto i tedeschi sarebbero stati disposti a seguire fino all’ultimo Hitler, pur sapendo che stava conducendo alla rovina il paese? Questi e altri problemi insorgono appena ci si pone una domanda lineare, che sembra richiedere una risposta semplice. E affrontarli non si può se non esaminando le strutture del potere e i modi di pensare imperanti nella Germania, mentre la catastrofe stava inghiottendo il paese nel 1944-45. Quello che questo libro cerca di fare.” Ian Kershaw

Germania 1944-45

“Mentre, all’inizio del 1945, si profilava la disastrosa sconfitta, si sentivano qualche volta i tedeschi dire che ‘avrebbero preferito una fine con orrore a un orrore senza fine’. E una ‘fine con orrore’ fu senza dubbio ciò che sperimentarono. La fine portò con sé distruzioni e perdite umane su scala enorme. Molto di questo si sarebbe potuto evitare se la Germania fosse stata disposta a cedere alle richieste degli Alleati. Il rifiuto di prendere in considerazione, prima del maggio 1945, la capitolazione significò dunque per il Reich e per il regime nazista non solo distruzione, ma autodistruzione. L’autodistruzione provocata dal perseverare nella lotta fino al limite estremo, fino a subire una quasi totale devastazione e una completa occupazione da parte dei nemici è estremamente rara. Eppure è questo che la Germania fece nel 1945. Perché? Si è tentati di dare una risposta semplice: Hitler rifiutò in maniera irremovibile di prendere in esame qualsiasi ipotesi di resa, per cui non c’era alternativa al continuare a combattere. Questa risposta suscita però altri interrogativi. Perché si continuò a obbedire agli ordini autodistruttivi di Hitler? In virtù di quali meccanismi di potere egli fu in grado di condizionare la sorte del paese, quando fu evidente a chiunque avesse occhi per vedere che la guerra era persa e la Germania completamente distrutta? E per quanto i tedeschi sarebbero stati disposti a seguire fino all’ultimo Hitler, pur sapendo che stava conducendo alla rovina il paese? Questi e altri problemi insorgono appena ci si pone una domanda lineare, che sembra richiedere una risposta semplice. E affrontarli non si può se non esaminando le strutture del potere e i modi di pensare imperanti nella Germania, mentre la catastrofe stava inghiottendo il paese nel 1944-45. Quello che questo libro cerca di fare.” Ian Kershaw

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Genere e argomento: Storia e Avventura
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 30.00 €
    • Pagine: 644
    • Formato libro: 23 x 15
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845275111

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...