Il Mio viaggio nel secolo cattivo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Con Stefano Rolando

“Ho una certa curiosità riguardo alla vita degli altri. Ognuno vede la vita di un altro in modo così differente, che raccontare una storia a tutti è come raccontarla a ciascuno, assecondando ogni specifica e distinta interpretazione. Consegno così queste, in fondo poche, considerazioni della memoria, con il sentimento di mantenere il mio dialogo con le persone che mi sono state a lungo vicine. E con cui magari non sono riuscita ad andare così a fondo su varie vicende. Magari un dialogo un po’ pirandelliano. Ma così è fatta la nostra cultura.“

Maria Luigia Nitti Baldini, detta “Pimpa”, voce nitida di una memoria storica che riguarda da vicino l’identità italiana. Esule antifascista a Parigi, negli anni Cinquanta e Sessanta è stata tra le animatrici dell’Unione Donne Italiane e ha partecipato attivamente alla vita civile del paese. Una vita arricchita e motivata dalle sue frequentazioni famigliari: Nullo Baldini, il padre, deputato socialista e fondatore della cooperazione italiana; Francesco Saverio Nitti, il suocero, presidente del Consiglio dei ministri nel 1919 ed eminente figura della storia italiana tra i due secoli; Giuseppe Nitti, il marito, deputato liberale alla Costituente; oltre ai protagonisti dell’antifascismo italiano in Francia come Treves, Modigliani, Sturzo, la famiglia Nenni e molti altri. Si è formata nella cultura del socialismo riformista della cooperazione romagnola e resta ancora dell’idea che “solo attraverso il riformismo e non con la violenza si possa migliorare il mondo”. Oggi, a novantasette anni, vivacissima, informata, con una memoria dettagliata, ripercorre in conversazione con Stefano Rolando l’intero secolo, ricostruendo storie di famiglia tra dolori e speranze della generazione che ha più contribuito a creare in Italia le condizioni della libertà e dei diritti costituzionali. Un libro che dà voce alla memoria pubblica e privata e costituisce lo spaccato intimo di una complessa famiglia liberaldemocratica – la famiglia Nitti – tra l’esilio, il ritorno in Italia, Roma e la natia terra lucana.

Con Stefano Rolando

“Ho una certa curiosità riguardo alla vita degli altri. Ognuno vede la vita di un altro in modo così differente, che raccontare una storia a tutti è come raccontarla a ciascuno, assecondando ogni specifica e distinta interpretazione. Consegno così queste, in fondo poche, considerazioni della memoria, con il sentimento di mantenere il mio dialogo con le persone che mi sono state a lungo vicine. E con cui magari non sono riuscita ad andare così a fondo su varie vicende. Magari un dialogo un po’ pirandelliano. Ma così è fatta la nostra cultura.“

Maria Luigia Nitti Baldini, detta “Pimpa”, voce nitida di una memoria storica che riguarda da vicino l’identità italiana. Esule antifascista a Parigi, negli anni Cinquanta e Sessanta è stata tra le animatrici dell’Unione Donne Italiane e ha partecipato attivamente alla vita civile del paese. Una vita arricchita e motivata dalle sue frequentazioni famigliari: Nullo Baldini, il padre, deputato socialista e fondatore della cooperazione italiana; Francesco Saverio Nitti, il suocero, presidente del Consiglio dei ministri nel 1919 ed eminente figura della storia italiana tra i due secoli; Giuseppe Nitti, il marito, deputato liberale alla Costituente; oltre ai protagonisti dell’antifascismo italiano in Francia come Treves, Modigliani, Sturzo, la famiglia Nenni e molti altri. Si è formata nella cultura del socialismo riformista della cooperazione romagnola e resta ancora dell’idea che “solo attraverso il riformismo e non con la violenza si possa migliorare il mondo”. Oggi, a novantasette anni, vivacissima, informata, con una memoria dettagliata, ripercorre in conversazione con Stefano Rolando l’intero secolo, ricostruendo storie di famiglia tra dolori e speranze della generazione che ha più contribuito a creare in Italia le condizioni della libertà e dei diritti costituzionali. Un libro che dà voce alla memoria pubblica e privata e costituisce lo spaccato intimo di una complessa famiglia liberaldemocratica – la famiglia Nitti – tra l’esilio, il ritorno in Italia, Roma e la natia terra lucana.

Commenti

Autore


  • Stefano Rolando

    Stefano Rolando (Milano, 1948), laureato a Milano in Scienze Politiche, dopo esperienze di management in aziende (Rai e Olivetti) e istituzioni (Presidenza Consiglio dei Ministri e Consiglio Regionale [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: GRANDI TASCABILI
    • Prezzo: 10.50 €
    • Pagine: 144
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845262029

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...