Il Compagno di scuola

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


"Abitammo per cinque anni gli stessi banchi
senza mai conoscerci davvero.
Dopo, fu un sollievo dimenticarci.
Ma la memoria è come un ghiacciaio,
che scivola e impercettibilmente si arrotola su se stesso.
Così oggi è ritornato a galla nella mia mente il ricordo di te."

Basta il nome di un antico compagno del liceo scoperto scorrendo casualmente l'elenco del telefono per accendere la miccia del ricordo e ritrovarvi intatta un'età perduta. Quel tempo è passato, ma le persone, i fatti e gli eventi che lo hanno riempito di senso sono tutti ancora qui, e mandano bagliori intermittenti: la scuola, i professori amati-odiati, la gabbia dorata dell'adolescenza, la passione per la fotografia, l'orto del nonno, mistico luogo di una sapienza contadina intramontabile, i libri come viatico di tante vite possibili fantasticate nelle ore vuote della vita paesana, le esperienze di una radio libera e di un circolo culturale, il richiamo irresistibile delle ragazze che non si finisce mai di adocchiare e sognare, il ristoratore-viveur Gino e le sue arti, di lavoro e di vita. E ancora, sullo sfondo, la guerra del Vietnam, la contestazione studentesca, le prime avvisaglie di quella che diventerà di lì a poco la lotta armata. Ma soprattutto, la storia di un'amicizia che la politica ha consumato a poco a poco.
Per questo, dopo tanti anni, c'è bisogno di scrivere una lettera a quell'antico compagno: l'unico modo non banale per poter riannodare i fili di un'esistenza, per sondare nuovamente le ragioni di ogni scelta, se ce ne sono davvero? In questo romanzo Diego Marani si inoltra con pudore e disincanto nel giardino segreto della sua memoria, per dire a se stesso e dirci che forse è una grande illusione quella che ci governa tutti, e che in fondo ciò che ci rimane dopo le tempeste e i fumi della giovinezza è soltanto un piccolo frammento di vita scolastica: niente di più, o di meno, della stentata ma felice declinazione di un aoristo greco.

"Abitammo per cinque anni gli stessi banchi
senza mai conoscerci davvero.
Dopo, fu un sollievo dimenticarci.
Ma la memoria è come un ghiacciaio,
che scivola e impercettibilmente si arrotola su se stesso.
Così oggi è ritornato a galla nella mia mente il ricordo di te."

Basta il nome di un antico compagno del liceo scoperto scorrendo casualmente l'elenco del telefono per accendere la miccia del ricordo e ritrovarvi intatta un'età perduta. Quel tempo è passato, ma le persone, i fatti e gli eventi che lo hanno riempito di senso sono tutti ancora qui, e mandano bagliori intermittenti: la scuola, i professori amati-odiati, la gabbia dorata dell'adolescenza, la passione per la fotografia, l'orto del nonno, mistico luogo di una sapienza contadina intramontabile, i libri come viatico di tante vite possibili fantasticate nelle ore vuote della vita paesana, le esperienze di una radio libera e di un circolo culturale, il richiamo irresistibile delle ragazze che non si finisce mai di adocchiare e sognare, il ristoratore-viveur Gino e le sue arti, di lavoro e di vita. E ancora, sullo sfondo, la guerra del Vietnam, la contestazione studentesca, le prime avvisaglie di quella che diventerà di lì a poco la lotta armata. Ma soprattutto, la storia di un'amicizia che la politica ha consumato a poco a poco.
Per questo, dopo tanti anni, c'è bisogno di scrivere una lettera a quell'antico compagno: l'unico modo non banale per poter riannodare i fili di un'esistenza, per sondare nuovamente le ragioni di ogni scelta, se ce ne sono davvero? In questo romanzo Diego Marani si inoltra con pudore e disincanto nel giardino segreto della sua memoria, per dire a se stesso e dirci che forse è una grande illusione quella che ci governa tutti, e che in fondo ciò che ci rimane dopo le tempeste e i fumi della giovinezza è soltanto un piccolo frammento di vita scolastica: niente di più, o di meno, della stentata ma felice declinazione di un aoristo greco.

Commenti

Autore


  • Diego Marani

    è nato a Ferrara nel 1959. Funzionario internazionale, lavora presso la Commissione Europea, dove si occupa di cultura e di lingue. Per Bompiani ha pubblicato Nuova grammatica finlandese, (2000, Pr [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: LETTERATURA ITALIANA
    • Prezzo: 13.50 €
    • Pagine: 168
    • Formato libro: 21 x 15
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845233630

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...