I Ritmi della creazione

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Con un contributo di Achille Bonito Oliva.

Le cose ci vengono incontro. E noi rispondiamo alla loro chiamata. Ma troppo spesso la nostra unica preoccupazione è quella di aver “ben inteso” che cosa sia quel che ci viene incontro.
Una preoccupazione che ci guida anche in rapporto alle cosiddette opere d’arte. Si tratti di poesia, di arte visiva, di musica, ma si tratti anche di un’opera filosofica, o delle pagine di un testo religioso, in ogni caso, siamo tutti sempre istintivamente preoccupati di capire bene e non fraintendere. Facciamo di tutto per impadronirci del significato e di tenerlo ben a mente. Come se quest’ultimo fosse essenzialmente indipendente dal “modo” del suo presentarsi.
E se fosse il caso di imparare a riconoscere, invece e innanzitutto, proprio il “ritmo” con cui l’essente sempre si fa esperire?
D’altro canto, quello che siamo soliti chiamare ‘significato’ non potrebbe neppure costituirsi, indipendentemente dal ritmo del suo manifestarsi; ossia, indipendentemente dalle movenze con cui si concede allo sguardo orizzontale dell’intelletto, costringendolo quasi sempre a bruschi volteggiamenti, sospensioni, curvature impreviste, andate e ritorni, obliqui attraversamenti.
Troppo a lungo ci siamo accontentati di ‘comprendere’ le cose dell’arte per il tramite di una catalogazione formale e stilistica, che ci ha comunque consentito di rimuovere il fatto che l’opera si dà a noi, anche e innanzitutto, con un ‘ritmo’ suo proprio e che forse proprio in quest’ultimo è custodito il suo enigma più profondo.

Con un contributo di Achille Bonito Oliva.

Le cose ci vengono incontro. E noi rispondiamo alla loro chiamata. Ma troppo spesso la nostra unica preoccupazione è quella di aver “ben inteso” che cosa sia quel che ci viene incontro.
Una preoccupazione che ci guida anche in rapporto alle cosiddette opere d’arte. Si tratti di poesia, di arte visiva, di musica, ma si tratti anche di un’opera filosofica, o delle pagine di un testo religioso, in ogni caso, siamo tutti sempre istintivamente preoccupati di capire bene e non fraintendere. Facciamo di tutto per impadronirci del significato e di tenerlo ben a mente. Come se quest’ultimo fosse essenzialmente indipendente dal “modo” del suo presentarsi.
E se fosse il caso di imparare a riconoscere, invece e innanzitutto, proprio il “ritmo” con cui l’essente sempre si fa esperire?
D’altro canto, quello che siamo soliti chiamare ‘significato’ non potrebbe neppure costituirsi, indipendentemente dal ritmo del suo manifestarsi; ossia, indipendentemente dalle movenze con cui si concede allo sguardo orizzontale dell’intelletto, costringendolo quasi sempre a bruschi volteggiamenti, sospensioni, curvature impreviste, andate e ritorni, obliqui attraversamenti.
Troppo a lungo ci siamo accontentati di ‘comprendere’ le cose dell’arte per il tramite di una catalogazione formale e stilistica, che ci ha comunque consentito di rimuovere il fatto che l’opera si dà a noi, anche e innanzitutto, con un ‘ritmo’ suo proprio e che forse proprio in quest’ultimo è custodito il suo enigma più profondo.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Massimo Donà

    è professore ordinario di Filosofia Teoretica presso la Facoltà di Filosofia dell’Università“Vita-Salute” del San Raffaele di Milano. Per Bompiani ha già pubblicato: Filosofia del vino (2003 [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: GRANDI TASCABILI
    • Prezzo: 17.00 €
    • Pagine: 210
    • Formato libro: 19 x 14
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845262302
    • ISBN E-book: 9788858702277

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...